q Campo magnetico – Tecnologico

Campo magnetico

Un campo magnetico viene generato quando i portatori di carica elettrica come gli elettroni si muovono nello spazio o all'interno di un conduttore elettrico. Le forme geometriche delle linee di flusso magnetico prodotte dai portatori di carica in movimento (corrente elettrica) sono simili alle forme delle linee di flusso in un campo elettrostatico. Ma ci sono differenze nel modo in cui i campi elettrostatici e magnetici interagiscono con l'ambiente.

Il flusso elettrostatico è ostacolato o bloccato da oggetti metallici. Il flusso magnetico passa attraverso la maggior parte dei metalli con scarso o nessun effetto, con alcune eccezioni, in particolare ferro e nichel. Questi due metalli, e le leghe e le miscele che li contengono, sono noti come materiali ferromagnetici perché concentrano le linee magnetiche di flusso. Un elettromagnete fornisce un buon esempio. Una bobina con nucleo d'aria che trasporta corrente continua produce un campo magnetico. Se un nucleo di ferro viene sostituito al nucleo d'aria in una data bobina, l'intensità del campo magnetico aumenta notevolmente nelle immediate vicinanze della bobina. Se la bobina ha molte spire e trasporta una grande corrente, e se il materiale del nucleo ha proprietà ferromagnetiche eccezionali, la densità di flusso vicino alle estremità del nucleo (i poli del magnete) può essere tale che l'elettromagnete può essere utilizzato per raccogliere e spostare le auto.

Quando i portatori di carica vengono accelerati (invece di muoversi a velocità costante), viene prodotto un campo magnetico fluttuante. Questo genera un campo elettrico fluttuante, che a sua volta produce un altro campo magnetico variabile. Il risultato è un effetto "balzo", in cui entrambi i campi possono propagarsi su grandi distanze nello spazio. Un tale campo sinergico è noto come campo elettromagnetico. Questo è il fenomeno che rende possibile la comunicazione e la trasmissione wireless.