q Stampa 3-D (produzione additiva) – Tecnologico

Stampa 3-D (produzione additiva)

La stampa 3-D è un processo di produzione che costruisce strati per creare un oggetto solido tridimensionale da un modello digitale.

Per stampare un oggetto 3-D, il produttore utilizza un programma CAD (Computer Aided Design) per creare un modello digitale che viene suddiviso in sezioni trasversali molto sottili chiamate strati. Durante il processo di stampa, la stampante 3-D inizia dalla parte inferiore del disegno e costruisce strati successivi di materiale fino a quando l'oggetto non è finito.

In passato, il costo della stampa 3-D era elevato e la tecnologia era utilizzata solo da grandi aziende, ma lo sviluppo di stampanti 3D desktop ha reso la tecnologia più accessibile alle piccole e medie imprese e agli utenti domestici. Oggi, le stampanti 3-D vengono utilizzate per creare qualsiasi cosa, da un nuovo giocattolo o una parte di motocicletta alla produzione di prototipi a scopo di test. Prima che esistessero le stampanti 3-D, la creazione di un prototipo richiedeva tempo e denaro, richiedendo artigiani qualificati e macchinari specifici. Invece di inviare istruzioni di modellazione a una società di produzione, i progressi nella stampa 3-D hanno consentito alle aziende di inserire regolarmente la produzione di prototipi. 

Michael Feygen è accreditato dello sviluppo della prima stampante 3-D nel 1985. La stampa 3-D è conosciuta con molti nomi; a seconda del contesto, il termine può anche essere indicato come prototipazione rapida, stereolighografia, modellazione architettonica o produzione additiva. Diverse stampanti 3-D utilizzano materiali diversi per costruire i livelli. Alcuni usano polimero liquido o gel; altri usano la resina, che tende ad essere più costosa. 

La ZPrinter 450 è una stampante a getto d'inchiostro 3D automatizzata per uffici. Questa pubblicità mostra come realizza prototipi.