q Modulazione di ampiezza (AM) – Tecnologico

Modulazione di ampiezza (AM)

Vedi anche modulazione.

La modulazione di ampiezza (AM) è un metodo per imprimere i dati su una forma d'onda portante in corrente alternata (AC) La frequenza più alta dei dati modulanti è normalmente inferiore al 10% della frequenza portante L'ampiezza istantanea (potenza complessiva del segnale) varia a seconda sull'ampiezza istantanea dei dati modulanti.

In AM, il vettore stesso non fluttua in ampiezza. Invece, i dati modulanti appaiono sotto forma di componenti del segnale a frequenze leggermente superiori e inferiori a quella della portante. Questi componenti sono chiamati bande laterali. La banda laterale inferiore (LSB) appare a frequenze inferiori alla frequenza portante; la banda laterale superiore (USB) appare a frequenze superiori alla frequenza portante. LSB e USB sono essenzialmente "immagini speculari" l'una dell'altra in un grafico dell'ampiezza del segnale rispetto alla frequenza, come mostrato nell'illustrazione. La potenza della banda laterale tiene conto delle variazioni di l'ampiezza complessiva del segnale.

Quando una portante è modulata in ampiezza con un'onda sinusoidale pura, fino a 1/3 (33%) della potenza complessiva del segnale è contenuta nelle bande laterali, mentre gli altri 2/3 della potenza del segnale sono contenuti nella portante, che non contribuire al trasferimento dei dati. Con un segnale di modulazione complesso come voce, video o musica, le bande laterali generalmente contengono dal 20 al 25 percento della potenza complessiva del segnale; quindi la portante consuma dal 75 all'80 percento della potenza.Ciò rende AM una modalità inefficiente.Se si tenta di aumentare l'ampiezza di ingresso dei dati modulanti oltre questi limiti, il segnale risulterà distorto e occuperà una larghezza di banda molto maggiore di quanto dovrebbe Questa operazione è chiamata sovramodulazione e può provocare interferenze ai segnali sulle frequenze vicine.