q Tabella di allocazione dei file (FAT) – Tecnologico

Tabella di allocazione dei file (FAT)

Vedi anche: fat Mac e Virtual File Allocation Table.

Una tabella di allocazione file (FAT) è una tabella che un sistema operativo mantiene su un disco rigido e che fornisce una mappa dei cluster (le unità di base della memoria logica su un disco rigido) in cui è stato memorizzato un file. Quando si scrive un nuovo file su un disco rigido, il file viene memorizzato in uno o più cluster che non sono necessariamente uno accanto all'altro; possono essere ampiamente sparsi sul disco. Una dimensione tipica del cluster è 2,048 byte, 4,096 byte o 8,192 byte. Il sistema operativo crea una voce FAT per il nuovo file che registra la posizione di ciascun cluster e il relativo ordine sequenziale. Quando si legge un file, il sistema operativo riassembla il file dai cluster e lo posiziona come un intero file dove si desidera leggerlo. Ad esempio, se si tratta di una lunga pagina Web, potrebbe benissimo essere archiviata su più di un cluster sul disco rigido.

Fino a Windows 95 OSR2 (OEM Release 2), le voci della tabella di allocazione dei file DOS e Windows avevano una lunghezza di 16 bit, limitando la dimensione del disco rigido a 128 megabyte, assumendo un cluster di 2,048 byte di dimensione, È possibile supportare fino a 512 megabyte, assumendo una dimensione del cluster di 8,192 byte ma al costo di utilizzare i cluster in modo inefficiente. DOS 5.0 e le versioni successive forniscono il supporto di dischi rigidi fino a due gigabyte con il limite di ingresso FAT a 16 bit supportando FAT separati per un massimo di quattro partizioni.

Con il supporto della voce FAT a 32 bit (FAT32) in Windows 95 OSR2, il disco rigido di dimensioni maggiori che può essere supportato è di due terabyte! Tuttavia, è più probabile che gli utenti di personal computer traggano vantaggio da FAT32 con unità da 5 o 10 gigabyte.