q elettrone – Tecnologico

elettrone

Un elettrone è una particella subatomica caricata negativamente. Può essere libero (non attaccato ad alcun atomo) o legato al nucleo di un atomo. Gli elettroni negli atomi esistono in gusci sferici di vari raggi, che rappresentano i livelli di energia. Più grande è il guscio sferico, maggiore è l'energia contenuta nell'elettrone.

Nei conduttori elettrici, il flusso di corrente risulta dal movimento degli elettroni da atomo ad atomo individualmente e da poli elettrici negativi a positivi in ​​generale. Nei materiali semiconduttori, la corrente si verifica anche come movimento di elettroni. Ma in alcuni casi, è più illustrativo immaginare la corrente come un movimento di carenze di elettroni da un atomo all'altro. Un atomo con deficienza di elettroni in un semiconduttore è chiamato buco. I buchi "si spostano" dai poli elettrici positivi a quelli negativi in ​​generale.

La carica su un singolo elettrone è considerata come la carica elettrica unitaria. Viene assegnata una polarità negativa. La carica di un elettrone è uguale, ma opposta, alla carica positiva di un protone o di un foro. La quantità di carica elettrica non viene solitamente misurata in termini di carica su un singolo elettrone, perché si tratta di una carica estremamente piccola. Invece, l'unità standard della quantità di carica elettrica è il coulomb, simboleggiato da C, che rappresenta circa 6.24 x 1018 elettroni. La carica dell'elettrone, simboleggiata da e, è di circa 1.60 x 10-19 C. La massa di un elettrone a riposo, simbolizzata da me, è di circa 9.11 x 10-31 chilogrammo (kg). Gli elettroni che si muovono a una frazione apprezzabile della velocità della luce, ad esempio in un acceleratore di particelle, hanno una massa maggiore a causa di effetti relativistici.